Via al bonus colonnine: chi può richiedere fino a 1.500 euro e come presentare la domanda

Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca
Via al bonus colonnine: chi può richiedere fino a 1.500 euro e come presentare la domanda

Via al bonus colonnine (come funzionano le colonnine di ricarica?) per la ricarica domestica dei veicoli elettrici. Dopo le anticipazioni e i rumor emersi nelle scorse settimane, finalmente parte la piattaforma per richiedere il bonus economico per installare le colonnine domestiche.

A partire da oggi, 8 luglio, è attiva la piattaforma online per richiedere il bonus per l'installazione delle colonnine di ricarica domestiche.

Quanto vale il bonus colonnine 2024

Il bonus per l'installazione delle colonnine di ricarica ha l'obiettivo di incentivare l'installazione delle colonnine presso la propria casa per ricaricare la propria auto elettrica. Si tratta di un contributo che è ovviamente destinato a coloro che non possiedono colonnine di ricarica presso il proprio domicilio.

A partire dalle ore 12 di oggi, 8 luglio, è possibile avviare la compilazione della domanda per ricevere il bonus. Il bonus può arrivare a 1.500 euro per i cittadini privati, e fino a 8.000 euro per i condomini. Ovviamente il bonus potrà essere usato sia da coloro che possiedono un'unità abitativa singola, oppure da coloro che abitano in condominio.

In totale, il Ministero dell'Industria ha stanziato 20 milioni di euro per tale bonus. Il bonus riguarda gli acquisti e le installazioni effettuate dal 1 gennaio 2024 da persone fisiche residenti in Italia e da condomini rappresentati dall'amministratore pro tempore o da un condomino delegato. I contributi potranno coprire l'80% del prezzo di acquisto e installazione delle infrastrutture per la ricarica (ad esempio colonnine o wall box).

Requisiti per accedere e spese compatibili

Per richiedere il bonus colonnine ovviamente sarà necessario rispettare determinati requisiti. I beneficiari dovranno essere persone fisiche residenti in Italia oppure condomini in caso di posa in opera sulle parti di uso comune. Non sarà possibile richiedere il bonus a nome di ditte individuali o società.

Vediamo quindi quali sono le spese che rientrano tra quelle compatibili per il bonus colonnine:

  • Acquisto e la messa in opera di infrastrutture di ricarica
  • Spese per l'installazione delle colonnine, gli impianti elettrici, le opere edili strettamente necessarie, gli impianti e i dispositivi per il monitoraggio
  • Spese di progettazione, direzione lavori, sicurezza e collaudi
  • Costi per la connessione alla rete elettrica tramite attivazione di un nuovo POD (point of delivery).

Documenti richiesti e come presentare la domanda

Infine, vediamo quali sono i documenti necessari per presentare la domanda per il bonus colonnine 2024:

  • Codice fiscale  documento d'identità del richiedente;
  • Copia delle fatture elettroniche relative all'acquisto e all'installazione dell'infrastruttura di ricarica;
  • Estratti del conto corrente dal quale risultino i pagamenti connessi alle fatture elettroniche presentate. I pagamenti dovranno essere effettuati esclusivamente tramite bonifici bancari oppure mediante SEPA Credit Transfer, oppure mediante carta di credito o di debito intestata al beneficiario del bonus;
  • Relazione finale relativa all'investimento realizzato e alle relative spese sostenute;
  • Idonea certificazione di conformità rilasciata da un installatore, che attesti l'avvenuta installazione dell'infrastruttura;
  • Dati del conto corrente sul quale richiedere l'accredito del bonus.

Per i condomini la lista dei documenti è comprensibilmente più lunga:

  • Codice fiscale del condominio ed estremi del documento d'identità dell'amministratore pro tempore con dichiarazione di quest'ultimo di essere in possesso dei requisiti di legge di cui all'articolo 71-bis delle "Disposizioni per l'attuazione del Codice Civile e disposizioni transitorie" o del condomino delegato per i condomìni fino a 8 partecipanti, in caso di posa in opera sulle parti comuni degli edifici condominiali;
  • Delibera assembleare di autorizzazione dei lavori sulle parti comuni di cui agli articoli 1117 e 1117-bis del codice civile con la dichiarazione da parte dell'amministratore che tale delibera non è stata impugnata nel termine di cui all'articolo 1137 codice civile;
  • Copia delle fatture elettroniche relative all'acquisto e all'installazione dell'infrastruttura di ricarica;
  • Estratti del conto corrente dal quale risultino i pagamenti connessi alle fatture elettroniche relative all'acquisto e all'installazione dell'infrastruttura di ricarica. I pagamenti dovranno essere effettuati esclusivamente tramite bonifici bancari oppure mediante SEPA Credit Transfer, oppure mediante carta di credito o di debito intestata al beneficiario del bonus;
  • Relazione finale relativa all'investimento realizzato e alle relative spese sostenute;
  • Idonea certificazione di conformità rilasciata da un installatore, che attesti l'avvenuta installazione dell'infrastruttura;
  • Dati del conto corrente sul quale richiedere l'accredito del bonus.

Per presentare la domanda sarà necessario accedere alla piattaforma online, messa a disposizione da Invitalia, e accedere tramite SPID, CNS o CIE.

Dopo aver effettuato l'accesso sarà possibile iniziare la compilazione della domanda inserendo i propri dati o quelli del proprio condominio. Qui sotto trovate qualche esempio pratico dell'interfaccia da usare.

Per procedere con la richiesta del bonus colonnine 2024 c'è tempo fino al prossimo 22 novembre 2024 alle ore 12.

Le guide utili sulle colonnine di ricarica:

Visto che siamo in tema di colonnine di ricarica, qui sotto trovate alcune delle nostre guide che descrivono come usarle, come funzionano e in cosa si differenziano i vari modelli e relativi costi:

Tutte le news sulla tecnologia su Google News
Ci trovi con tutti gli aggiornamenti dal mondo della tecnologia
Seguici