Il futuro della ricarica? Ce lo svela Tesla con il Supercharger più grande del mondo

Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
Il futuro della ricarica? Ce lo svela Tesla con il Supercharger più grande del mondo

Negli Stati Uniti, Tesla non è solo una potenza come produttore di auto elettriche, ma soprattutto per la sua rete di ricarica Supercharger, così capillare ed efficace da imporre un nuovo standard di prese, il NACS (a proposito, sapete come funziona il Supercharger Tesla?).

Ma la "sete" di elettroni non è mai soddisfatta, e dopo l'apertura delle sue stazioni (o almeno di una parte) anche ai veicoli elettrici di altre marche (mossa necessaria per accedere ai fondi stanziati dall'amministrazione Biden), l'azienda di Elon Musk si dev'essere accorta che le stazioni necessitano un'evoluzione. 

Ecco quindi che nella contea di Kern, in California, si sta progettando la stazione Supercharger più grande del mondo, che secondo i permessi di costruzione scoperti da MarcoRP di NewsFeed sarà dotata di ben 164 colonnine per la ricarica, di cui 16 di tipo pull-through.

In caso ve lo stiate domandando, le colonnine pull-through sono un tipo di colonnine il cui accesso è "aperto" e non chiuso (immagine sotto, sulla destra), e che Tesla ha iniziato a introdurre l'anno scorso per venire incontro a veicoli elettrici di grandi dimensioni o con rimorchio, che fanno più fatica a fare manovra.

Questa soluzione si è resta necessaria soprattutto con l'arrivo del Cybertruck, che viste le sue dimensioni, soprattutto se dotato di rimorchio, aveva bisogno di un accesso più agevole. 

Colonnine Supercharger pull through, sulla destra. Fonte: Tesla Owners Silicon Valley

 

La nuova stazione Supercharger in California ne avrà ben 16, che potete vedere sulla destra nell'immagine del progetto qui sotto, il che significa che gli utenti con un carrello non avranno bisogno di sganciarlo prima della ricarica (perdendo ulteriore tempo), ma potranno semplicemente fermarsi e collegarsi alla colonnina.  

Fonte: MarcoRP

Stando al progetto, inoltre, Tesla costruirà per la nuova stazione una rete interna composta da batterie e tettoie dotate di pannelli solari, che dovrebbero aiutare ad assorbire la domanda nelle ore di picco, e, si spera, ridurre il costo della ricarica. 

Al momento non si sa quando la stazione sarà pronta, ma è interessante notare come Tesla la stia costruendo in una posizione non troppo lontana dalla stazione di Kettleman City, che nel 2019 con 40 colonnine era il Supercharger più grande del mondo (attualmente superata dalla stazione di Grand Canyon State, con 84 colonnine).

Mostra i commenti