Musk ha cambiato idea sulla pubblicità: ecco il primo spot di Tesla

All'incontro con gli investitori, il miliardario ha ammesso di voler provare qualcosa di diverso. Ecco il primo video sul canale Twitter di Tesla Asia
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
Musk ha cambiato idea sulla pubblicità: ecco il primo spot di Tesla

Una delle costanti di Tesla è sempre stata l'assoluto "disprezzo" per i consueti canali promozionali. Se infatti altri produttori spendono miliardi di dollari l'anno per far conoscere i loro veicoli agli utenti, il costruttore di auto elettriche americano si è sempre affidato al passaparola e alla forza mediatica dirompente del suo amministratore delegato.

Ora però le cose potrebbero cambiare. Anzi, stanno già cambiando. Durante l'incontro con gli investitori della scorsa settimana, Musk ha affermato che avrebbe provato a fare qualcosa di diverso in questo senso, e il risultato è stata la diffusione sul canale Twitter di Tesla Asia di quello che viene definito il primo spot dell'azienda.

Intitolato Drive to Believe, il video di due minuti mostra una benestante proprietaria di Tesla a Singapore spiegare cosa l'abbia convinta ad acquistare un veicolo del marchio. 

Sicurezza, soprattutto dal punto di vista di una madre e che aiuta nelle lunghe ore di guida, tecnologia, che interviene per esempio attivando l'aria condizionata da smartphone, possibilità di giocare con i figli ad auto spenta e assenza di emissioni sono i punti su cui si pone maggiormente l'accento.

Il video, pacato nei toni e dalle immagini rassicuranti, è sicuramente un buon primo tentativo del marchio, e conferma le indicazioni date da Musk che avrebbe presentato annunci esteticamente gradevoli e dotati "di elementi artistici in modo che le persone non si pentano di averli guardati".

È presto per sapere quanti soldi Tesla abbia speso in pubblicità, ma a questo punto bisogna fare alcune considerazioni. 

Prima di tutto, i motivi che hanno spinto Musk a questa inversione di rotta. Il calo delle vendite, su tutti, nonostante la continua costruzione di nuove gigafactory che hanno aumentato la produzione. Sicuramente avrete notato come nell'ultimo anno le auto del marchio abbiano subito drastici tagli di listino, e questo ha fatto arrabbiare gli attuali proprietari, che hanno visto svalutare a tempo di record i loro veicoli.

Ma c'è un'altra questione. Diversi utenti non vogliono cambiare l'attuale Tesla, perché hanno pagato per una funzione, il Full Self-Driving, che non è mai arrivata, e dovrebbero pagarla di nuovo, ancora con la promessa di ottenerla in un futuro più o meno remoto.

Ecco quindi le pressioni degli investitori, e perché Musk abbia acconsentito. Il problema è che al momento lo spot è solo sul canale Twitter dell'azienda e, come lo stesso Musk ha ammesso, è come predicare al coro. E infatti se notate i commenti sono tutti entusiastici, da parte di fan del marchio. Uscire dalla "bolla" in cui si è sempre relegata non potrà che giovare all'azienda, ma al momento l'imprenditore sembra volerci andare con i piedi di piombo, quindi è presto per parlare di vera e propria rivoluzione. 

Su WhatsApp le breaking news tech!
Solo il meglio della tecnologia
Seguici