BMW sta lavorando a un monopattino elettrico che non smetterete mai di piegare

Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
BMW sta lavorando a un monopattino elettrico che non smetterete mai di piegare

Gli affezionati al marchio BMW dai tempi della gloriosa R100 GS Paris Dakar storceranno il naso, ma il produttore tedesco ha intrapreso la strada della mobilità elettrica, almeno su due ruote, e non si guarda indietro (sapete come funzionano le colonnine per ricaricare le auto elettriche?). 

Dopo aver infatti annunciato l'addio al mercato statunitense con i veicoli a motore per far strada alle nuove CE 02 e CE 04, online sono apparsi i brevetti per un nuovo monopattino elettrico pieghevole che segnerebbe l'espansione in questo mercato. 

Stando alle immagini trapelate, il monopattino presenta un design che si distanzia notevolmente dalle soluzioni maggiormente in voga, con un design pieghevole e pratico per la mobilità urbana (e presumibilmente facile da produrre). 

Fonte: RideApart

Le ruote larghe sembrano garantire stabilità in ogni contesto, ma soprattutto risalta il meccanismo di piegatura della ruota posteriore. Oltre infatti a poter ripiegare il manubrio, come in tutti i monopattini, la soluzione di BMW è dotata di un secondo asse davanti alla ruota posteriore, che consente allo scooter di piegarla verso il centro del corpo, creando una configurazione più compatta.

Per farle posto, il pavimento sembra potersi alzare verso l'alto, mentre la ruota posteriore oscilla verso il basso e passa attraverso il centro del telaio adesso aperto (immagine sopra). 

Per quanto riguarda le specifiche, sembra che la potenza del motore sarà al massimo di 500 W, o "non più di 1400 watt se almeno il 60 per cento della potenza viene utilizzato per l'autobilanciamento". Non vengono nominate le prestazioni, ma il brevetto menziona il regolamento tedesco, che prevede 20 km/h di velocità massima per i monopattini. 

Altre caratteristiche non sono note, ma il peso non supererà i 55 kg (e per fortuna, aggiungiamo noi), ma di certo a guardare le immagini non sarà un peso piuma, mentre non si fa nessuna menzione di un meccanismo di autobilanciamento, quindi non sembrerebbe diverso da altri monopattini sul mercato da questo punto di vista. 

In realtà questo non è il primo monopattino di BMW.

Già nel 2019 l'azienda aveva collaborato con Micro per un monopattino elettrico con motore da 150 W e 9 kg di peso, ma era una soluzione molto più convenzionale e non sviluppata in casa. 

Ribadiamo che si tratta solo di un brevetto, e non sappiamo se vedrà mai la luce, ma certo BMW sta esplorando diversi modi per accontentare le diverse esigenze degli utenti.

Fonte: RideApart

Fonte: RideApart
Mostra i commenti