MotoGP 2022 – GP Austria al Red Bull Ring: gli orari TV su Sky e TV8

MotoGP of Great Britain - Race
Smartworld
di Marco Coletto

Gli orari TV (in diretta su Sky e in differita su TV8) del GP d'Austria al Red Bull Ring, tredicesima tappa della MotoGP 2022

Il GP d’Austria al Red Bull Ring – tredicesima tappa della MotoGP 2022 – sarà trasmesso in diretta su Sky e in differita su TV8 (di seguito troverete gli orari TV).

Nella gara austriaca Fabio Quartararo cercherà di allungare il vantaggio in classifica nel Motomondiale ma non sarà facile: le Ducati e le Aprilia sono in gran forma.

MotoGP 2022 – GP Austria: cosa aspettarsi

Il Red Bull Ring – circuito sede del GP d’Austria, tredicesimo appuntamento della MotoGP 2022 – è una pista che premia le moto veloci ed europee: da quando questa corsa è tornata nel calendario iridato (nel 2016) nessuna Casa giapponese è riuscita a salire sul gradino più alto del podio.

Il tracciato – modificato rispetto allo scorso anno – ha beneficiato dell’introduzione di una chicane alla curva 2 per incrementare la sicurezza: un cambiamento che riguarda solo le gare delle due ruote. Di seguito troverete il calendario del Gran Premio d’Austria, gli orari TV su SkyTV8 e il nostro pronostico.

MotoGP 2022 - Red Bull Ring, il calendario e gli orari TV

Venerdì 19 agosto 2022

09:00-09:40Moto3 - Prove libere 1 (diretta su Sky Sport MotoGP)
09:55-10:40MotoGP - Prove libere 1 (diretta su Sky Sport MotoGP)
10:55-11:35Moto2 - Prove libere 1 (diretta su Sky Sport MotoGP)
13:15-13:55Moto3 - Prove libere 2 (diretta su Sky Sport MotoGP)
14:10-14:55MotoGP - Prove libere 2 (diretta su Sky Sport MotoGP)
15:10-15:50Moto2 - Prove libere 2 (diretta su Sky Sport MotoGP)

Sabato 20 agosto 2022

09:00-09:40Moto3 - Prove libere 3 (diretta su Sky Sport MotoGP)
09:55-10:40MotoGP - Prove libere 3 (diretta su Sky Sport MotoGP)
10:55-11:35Moto2 - Prove libere 3 (diretta su Sky Sport MotoGP)
12:35-13:15Moto3 - Qualifiche (diretta su Sky Sport MotoGP)
13:30-14:00MotoGP - Prove libere 4 (diretta su Sky Sport MotoGP)
14:10-14:50MotoGP - Qualifiche (diretta su Sky Sport MotoGP)
15:10-15:50Moto2 - Qualifiche (diretta su Sky Sport MotoGP)

Domenica 21 agosto 2022

09:00-09:10Moto3 - Warm up (diretta su Sky Sport MotoGP)
09:20-09:30Moto2 - Warm up (diretta su Sky Sport MotoGP)
09:40-10:00MotoGP - Warm up (diretta su Sky Sport MotoGP)
11:00Moto3 - Gara (diretta su Sky Sport MotoGP, differita alle 14:00 su TV8)
12:20Moto2 - Gara (diretta su Sky Sport MotoGP, differita alle 15:15 su TV8)
14:00MotoGP - Gara (diretta su Sky Sport MotoGP, differita alle 17:00 su TV8)

MotoGP - I numeri del GP d'Austria

LUNGHEZZA CIRCUITO4,3 km
GIRI28

MotoGP – Il pronostico del GP d’Austria 2022

1° Fabio Quartararo (Yamaha)

title


Fabio Quartararo – reduce da due gare lontano dal podio – ha bisogno di un piazzamento importante per consolidare il primato nella MotoGP 2022.

Il suo miglior risultato nel GP d’Austria è un terzo posto ottenuto nel 2019.

2° Francesco Bagnaia (Ducati)

title


Francesco Bagnaia è in un ottimo stato di forma: due vittorie consecutive e tre negli ultimi cinque appuntamenti del Motomondiale.

Il centauro torinese è arrivato secondo lo scorso anno in Austria e ha tutte le carte in regola per salire nuovamente sul podio al Red Bull Ring.

3° Aleix Espargaró (Aprilia)

title


Aleix Espargaró – da quattro gare lontano dalla “top 3” – in Austria dovrà pensare più a difendere il secondo posto nella MotoGP 2022 da Bagnaia che ad attaccare il primato di Quartararo.

Il pilota spagnolo non ama questa corsa: il suo miglior piazzamento è un 10° posto conquistato lo scorso anno.

Da tenere d'occhio: Maverick Viñales (Aprilia)

title

Lo scorso anno Maverick Viñales è arrivato quinto nel GP d’Austria al Red Bull Ring.

Il centauro iberico sta molto bene e ha conquistato due podi di seguito: un evento che non si verificava da oltre due anni.

La moto da seguire: Yamaha

title

Non sarà facile per la Yamaha salire sul gradino più alto del podio nel GP d’Austria al Red Bull Ring.

La Casa dei tre diapason non vince questa corsa dal lontano 1988 e vuole interrompere la “maledizione” che impedisce ai marchi giapponesi di trionfare su questo tracciato da quando questa pista è tornata nel calendario della MotoGP.