Come funziona il Telepass europeo

Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
Come funziona il Telepass europeo

Se anche voi siete tra i milioni di utenti Telepass, sicuramente apprezzerete la comodità del dispositivo di pagamento del pedaggio autostradale automatico. Ma cosa fare se dovete uscire dai confini nazionali?

Per questo potrebbe interessarvi sapere come funziona il Telepass Europeo, un servizio (in realtà chiamato Autostrada in Europa) che vi concede massima libertà di spostamento in alcuni Paesi dell'Unione Europea: dite addio a code e ricerche di carte, in auto o in moto. Andiamo a vedere cos'è, come funziona e in che Paesi si può utilizzare questo strumento, oltre a ricordarvi le alternative a Telepass

Indice

Cos'è il Telepass Europeo

Come funziona il Telepass europeo

Tutti conosciamo il Telepass, il sistema di telepedaggio che ci consente di pagare il pedaggio autostradale in maniera automatica con addebito sul conto corrente.

Attraverso il transponder da attaccare al parabrezza dell'auto, chiamato On Board Unit (OBU) infatti, possiamo semplicemente rallentare in vista della barriera. Il dispositivo comunicherà con le tre boe posizionate in prossimità del casello, che registreranno il nostro passaggio, apriranno e chiuderanno la sbarra e addebiteranno il pagamento del tragitto percorso. 

Questo sistema, introdotto nel 1989, consente di ridurre le code ai caselli e in ultima analisi anche l'inquinamento, ma negli anni si è evoluto progressivamente, non solo dal punto di vista tecnico, ma anche da quello delle funzionalità.

A oggi infatti Telepass consente, oltre al pagamento del pedaggio, anche quello di una serie di servizi come parcheggi, strisce blu, Area C di Milano, traghetto dello Stretto di Messina, carburante o ricarica elettrica, bollo, revisione, lavaggio auto, noleggio di bici, monopattini o scooter elettrici, corse in taxi, treni e mezzi pubblici, pullman, skipass e PagoPA. 

Uno strumento veramente versatile, insomma, che nel 2016 contava 8 milioni di apparecchi circolanti e  2 milioni di transiti al giorno.

Ma se si superano i confini nazionali diventa inutile. 

Ecco quindi che proprio nel 2016 è stato introdotto il Telepass Europeo per mezzi pesanti (ovvero camion commerciali con peso lordo superiore a 3.500 kg o 3,5 tonnellate). Il servizio è abilitato in Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Belgio, Polonia, Austria, Germania, Danimarca, Svezia, Norvegia, Ungheria, Svizzera e Bulgaria, ed è utilizzabile per i parcheggi convenzionati in Italia, Francia e Spagna.

Poi, nel 2018, è stato attivato il Telepass europeo per auto e moto, valido in Italia, Francia, Spagna, Portogallo e dal 17 luglio 2023 anche Croazia, e anche nei parcheggi delle principali città, aeroporti, stazioni e fiere di questi Paesi (Croazia al momento no).

Come abbiamo anticipato nell'introduzione, il servizio in realtà si chiama Autostrada in Europa e il dispositivo è nominato Dispositivo Europeo, che si basa sulla certificazione EETS – European Electronic Tolling Service. Il Telepass Europeo in sostanza è come il Telepass, un dispositivo diverso dal Telepass da attaccare al parabrezza dell'auto che effettua i pagamenti dei pedaggi in automatico, ed è dedicato ad auto e moto, oltre che a chi viaggia con van e camper (di altezza inferiore ai 3 metri e del peso inferiore alle 3,5t).

Il Servizio Autostrada in Europa è infatti valido per cicli, motocicli e veicoli a 2 assi con altezza inferiore ai 3 mt e peso inferiore alle 3,5t, senza e con rimorchi. Come per il Telepass, potete associare al Dispositivo Europeo fino a un massimo di 2 targhe, ed entrambe saranno valide per viaggiare in autostrada e usare i parcheggi convenzionati in Italia, Francia e Spagna. Per i viaggi in Portogallo e Croazia è necessario invece scegliere una sola delle due targhe.

Per usufruirne, è sufficiente transitare sulle corsie contrassegnate con il logo dedicato, in Italia la "T" blu su fondo giallo, in Francia la "t" arancione su fondo nero, in Spagna la "T" bianca su fondo blu, in Portogallo la "V" bianca su fondo verde e in Croazia la scritta "ENC" o "FAST ENC" bianca su fondo verde.

Come funziona il Telepass europeo

Per chi non ha Telepass, può attivare un piano Telepass online e poi selezionare il Dispositivo Europeo durante l'attivazione, mentre per chi ha già un abbonamento la procedura è differente a seconda del piano.

Tenete presente che i viaggi esteri concorrono al raggiungimento del limite attuale di spesa trimestrale, che è di 258,23€ per il piano Base di Telepass.

Quanto costa il Telepass Europeo

Come funziona il Telepass europeo

Ma quanto costa il Telepass Europeo? Come forse saprete, il Telepass è un dispositivo che viene fornito in comodato d'uso e per cui si paga una tariffa mensile, diversa a seconda del piano che si sottoscrive. Ogni Telepass è associato a un massimo di due targhe e a un IBAN su cui addebitare i pagamenti.

Con il Telepass Europeo, è la stessa cosa, in quanto è semplicemente un dispositivo apposito, che si può usare anche in Italia e che sostituisce eventualmente quello che avete già, e un piano che si aggiunge a quello che state utilizzando in Italia.

Questo piano è di 2,40 euro al mese per ogni Paese attraversato, a cui bisogna aggiungere un costo di attivazione una tantum di 6 euro. Ovviamente questo è solo per l'utilizzo del dispositivo, non per le tariffe del pedaggio, che dipendono dalle tratte dei diversi Paesi in cui andate.

Ma la buona notizia è che Autostrada in Europa è un servizio in abbonamento pay-per-use, ovvero il canone di 2,40 euro al mese si attiverà solo per il mese in cui userete il Dispositivo Europeo al di fuori dell'Italia e attraverserete un varco. 

Quindi se state in Italia pagherete l'abbonamento mensile del vostro piano, mentre quando attraverserete un varco autostradale di un Paese diverso dall'Italia si attiverà quello Europeo per un mese.

Per esempio se andate in Francia, potrete utilizzarlo un mese all'interno di quel Paese o entrarci e uscirci quante volte volete, ma se andrete dalla Francia in Spagna pagherete altri 2,40 euro (validi sempre per un mese). Caso diverso il Portogallo, in quanto è considerato Penisola iberica e se entrate prima in Spagna per arrivarci non vi verranno addebitati altri 2,40 euro per lo stesso mese. Caso diverso se state in Spagna un mese e poi andate in Portogallo, a quel punto il superamento di un varco in Portogallo attiverà il servizio.

Al contrario, se non andrete all'estero, negli altri mesi non pagherete nessun canone.

Come richiedere il Telepass Europeo online

Per aderire al servizio Autostrada in Europa ci si può recare presso uno dei punti convenzionati Telepass che potete trovare qui, oppure potete farlo online. 

Se non siete clienti Telepass, dovete sottoscrivere un contratto Telepass Base (contratto Family), ma nel sito Telepass indica anche l'opzione Easy o Plus, e selezionare il Dispositivo Europeo durante l'attivazione.

Se siete già clienti, potete andare nell'Area Riservata e aggiungere o sostituire un dispositivo Telepass europeo alla vostra offerta, ma dovete essere titolari del contratto. Se invece andate di persona presso un Telepass Store, Telepass Point o Centro Servizi Telepass, pagherete 6 euro di attivazione e vi verrà richiesto di restituire il vecchio apparato, che verrà sostituito dal nuovo.

Come funziona il Telepass Europeo

Come funziona il Telepass europeo

Ma come funziona il Telepass Europeo? Ogni Paese ha ovviamente una propria rete autostradale, e ha predisposto varchi d'accesso per l'uso dei Telepass con un proprio simbolo, come abbiamo visto in fondo al primo capitolo.

Ma non solo, ogni Paese ha le proprie regole per quanto riguarda le tipologie di automezzo e altro. Andiamo a scoprirle.

Spagna

ln Spagna potete utilizzare il Telepass Europeo con tutti i veicoli leggeri, ovvero motocicli (con o senza sidecar), autovetture (senza e con rimorchio ma senza ruote gemellate), carrelli, roulotte (non con ruote gemellate), camper, furgoni e minibus (a due assi e quattro ruote). 

Il Telepass Europeo funziona su tutte le Autostrade spagnole e potete trovare il varco riservato al vostro passaggio indicato con una T bianca su fondo blu su un segnale tondo o quadrato. Se il segnale è tondo, vuol dire che la pista è esclusiva per gli utenti con Telepass Europeo, mentre se è quadrato la pista è condivisa con altri metodi di pagamento.

Come funziona il Telepass europeo

Il passaggio avviene usando le corsie riservate con il segnale indicato, o rallentando a 30 km/h o in caso fermandosi che il dispositivo emetta un segnale, la sbarra si alzi e il semaforo diventi verde.

Portogallo

Come abbiamo anticipato nel capitolo precedente, il Portogallo è accorpato alla Spagna, quindi non vi verrà addebitato un altro canone, ma a differenza di Spagna e Francia dovete scegliere una sola targa da associare al Telepass Europeo prima di entrarvi, altrimenti rischiate una multa. 

Per farlo, controllate con almeno 24 ore di anticipo sulla vostra Area Riservata del sito o dell'app Telepass, cliccate su Menu, poi Contatto e in caso cancellate e sostituite la targa o recatevi in un Punto Blu. 

Inoltre se noleggiate un'auto in Portogallo non potrete associarvi il Telepass Europeo in nessun caso: costituisce una grave infrazione. 

Detto questo, il Telepass Europeo in Portogallo si può utilizzare in tutte le strade e autostrade che fanno parte della rete Via Verde le cui piste di accesso sono indicate da una "V" su sfondo verde. Queste piste sono esclusive per gli utenti del Telepass Europeo, non hanno barriere e hanno una velocità massima consentita di 40-60 km/h, e tenete presente che non avvertirete nessun segnale acustico, ma c'è un semaforo, che diventa verde se il pagamento è avvenuto con successo.

Come funziona il Telepass europeo

Potete utilizzare inoltre il Telepass Europeo nelle Autostrade a Pedaggio Elettronico (a flusso libero o "free flow" o ex-SCUT): queste autostrade, nelle quali sono consentiti esclusivamente pedaggi elettronici (in quanto non sono presenti caselli tradizionali), vengono segnalate in anticipo con il simbolo di "solo pedaggio elettronico". Non ci sono caselli e non c'è possibilità di pagamento con altre modalità, e l'identificazione elettronica del veicolo viene effettuata al momento del passaggio sotto i portali di rilevamento, confermata da un segnale sonoro.

Come funziona il Telepass europeo

Per quanto riguarda i parcheggi, sono identificati dal logo Via Verde, e per usarli dovete premere il pulsante verde della colonnina automatica per permettere la lettura del Telepass. La barriera si apre e viene registrato l'orario di entrata, sentirete un leggero bip sul Telepass Europeo che conferma la modalità di pagamento con tale mezzo. Per uscire, il Telepass viene letto in uscita, viene registrato il tempo di sosta dell'auto e
l'importo da pagare.

Potrete verificare l'importo da pagare sullo schermo della colonnina automatica e la barriera si apre automaticamente.

Francia

Se volete sapere come funziona il Telepass Europeo in Francia, sappiate che il sistema opera su tutta la rete autostradale francese, ma non può essere utilizzato per pagare i pedaggi nei trafori dei Monte Bianco e del Fréjus.

Come in Italia, dovete andare nei varchi indicati con il simbolo apposito (t arancione su fondo nero). Se il simbolo appare da solo, significa che c'è la barra, quindi dovrete fermarvi e attendere che si sollevi, mentre se il simbolo appare insieme al limite di velocità di 30 km/h significa che il varco è aperto e non occorre fermarsi ma solo rallentare come si fa si solito. 

Le classi di veicoli ammesse sono le Classi di pedaggio 1,2,5 e assimilate alla Classe 1, come potete vedere dalla tabella qui sotto.

Come funziona il Telepass europeo

Tenete presente che in alcuni varchi ci sono porte di accesso riservate alla classe di pedaggio specifica del mezzo e occorre rispettare le indicazioni, che possono anche essere dovute all'altezza.

In questo caso vedrete i varchi contrassegnati dal cartello Réservé t, con indicata l'altezza ed eventualmente la classe.

In questo caso potete transitare solo con veicoli di una classe, ad esempio Classe 1, e di altezza massima di 2 metri. In queste piste non potete transitare con altri veicoli, come i motocicli, e il limite di altezza è comprensivo di eventuali ingombri (per esempio se avete un caravan o le bici sul tetto).

Per quanto riguarda i parcheggi, per utilizzare il Telepass Europeo in Francia (presente in circa 450 parcheggi dove troverete il simbolo t arancione su fondo nero), in ingresso dovrete ritirare il biglietto mentre in uscita dovete utilizzare la corsia riservata al Telepass, inserire il biglietto ritirato all'ingresso e attendere il segnale acustico e l'apertura della sbarra.

Croazia

In Croazia, solo di recente aggiunta all'elenco dei Paesi del Telepass Europeo, il dispositivo funziona sulle seguenti Autostrade (in verde nell'immagine):

  • Motorway A1 Zagreb - Split - Dubrovnik
  • Motorway A3 Bregana - Zagreb - Lipovac
  • Motorway A4 Zagreb - Goričan
  • Motorway A5 Beli Manastir - Osijek - Bosnia and Herzegovina
  • Motoway A6 Rijeka – Zagreb
  • Motorway A7 Rupa – Križišće
  • A10 Ploče - Bosnia and Herzegovina Border
  • A11 Motorway Zagreb – Sisak
Come funziona il Telepass europeo

Per quanto riguarda i veicoli, potete usare il Telepass Europeo sui veicoli di Classe 1 (classificazione croata), che devono avere le seguenti caratteristiche: 2 assi, peso inferiore alle 3,5 t e altezza inferiore a 1,90 mt.

Questo significa che non potete utilizzare rimorchi o roulotte.

Come funziona il Telepass europeo

Le piste sono identificate dal segnale "ENC", e la buona notizia è che per gli utilizzatori del Telepass Europeo viene applicato uno sconto del 13,04% sui transiti.

Come funziona il Telepass europeo

Al momento, il Croazia il Telepass Europeo non può essere utilizzato per i parcheggi.

Telepass Europeo: opinioni

Il Telepass Europeo è in genere considerato molto positivamente da parte degli utilizzatori, sia per comodità ma soprattutto perché semplifica notevolmente il pagamento delle autostrade in Paesi dove la gestione è molto diversa dalla nostra. 

Questo è particolarmente vero in Portogallo, dove è fortemente consigliato proprio per le differenze pratiche. In questo Paese infatti in molti casi non esistono distinzioni tra i caselli autostradali e l'unica modalità di pagamento accettata è quella elettronica. Inoltre il pedaggio in Portogallo può essere richiesto anche in prossimità di speciali strutture, che verranno segnalate durante il percorso, con l'addebito in base alla classe del veicolo.

Domande e risposte

Il Telepass Europeo, che in realtà si chiama Autostrada in Europa, consente di pagare il pedaggio autostradale e i parcheggi convenzionati in Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Croazia (esclusi i parcheggi). Il servizio è dedicato ai mezzi leggeri (auto e moto), ma per ogni Paese ci possono essere delle differenze, come abbiamo spiegato qui.
In Italia, il Telepass Europeo funziona in tutti i varchi Telepass dei caselli autostradali, quelli indicati dalla T blu su fondo giallo. Negli altri Paesi, Spagna, Portogallo, Francia e Croazia, le piste sono indicate da specifici cartelli, che variano da Paese a Paese. Qui trovate maggiori informazioni.

Il canale degli sconti tech +50k
Tutti i migliori sconti e coupon per la tecnologia
Seguici