Auto ibride plug-in: cosa sono e come funzionano

Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
Auto ibride plug-in: cosa sono e come funzionano

Se l'Unione Europea ha deciso che dal 2035 non potranno più essere venduti veicoli nuovi dotati di motore a combustione, la strada verso l'elettrificazione è ancora lunga e passa per alcuni compromessi, come le sempre più popolari auto ibride plug-in.

Le auto ibride infatti, veicoli dotati di un motore elettrico e uno termico, non sono tutte uguali e differiscono in base a come sono montati i propulsori e al cosiddetto grado di ibridazione. In questo approfondimento vedremo cosa sono e come funzionano i veicoli ibridi plug-in, ovvero quelli che offrono il motore elettrico di maggior potenza, oltre a scoprire in cosa differiscono con le full hybrid e a elencare alcuni modelli particolarmente economici o performanti.

Vi ricordiamo che le ibride plug-in non sono le sole auto ibride in circolazione: per approfondire potete leggere cosa significa full hybrid e cosa cambia con mild hybrid.

Indice

Cosa significa auto ibrida

Nell'introduzione abbiamo affermato come le auto ibride plug-in siano un particolare tipo di auto ibride.

Ma cosa sono esattamente queste ultime?

Le auto ibride (HEV, Hyibrid Electric Vehicle) sono veicoli dotati di due motori, uno elettrico e uno a combustione, a benzina o gasolio. Il concetto base è quello di usufruire del motore elettrico per abbassare consumi ed emissioni aumentando nel contempo le prestazioni, senza dover essere totalmente dipendenti dalle colonnine di ricarica come accade per le auto elettriche (BEV, Battery Electric Vehicle).

Per questa loro (parziale) sostenibilità, alcuni tipi di vetture ibride permettono di usufruire in molte regioni dell'esenzione dalla tassa automobilistica per 3 o 5 anni, dell'accesso gratuito nelle aree limitate al traffico e a seconda del tipo anche di incentivi statali per l'acquisto.

Come abbiamo anticipato, le auto ibride differiscono tra loro per una serie di caratteristiche. Innanzitutto per il modo in cui i motori sono abbinati, che può essere in serie, in cui il motore a combustione serve da Range Extender, ovvero per caricare il motore elettrico, in parallelo, in cui motore elettrico e motore endotermico possono agire contemporaneamente, e misto (quello utilizzato da Toyota, per esempio), in cui i due schemi coesistono.

In secondo luogo, le auto ibride differiscono per il cosiddetto grado di ibridazione, ovvero il rapporto tra la potenza del motore elettrico e quella totale combinata, ma anche per la capacità del sistema di immagazzinare energia elettrica. A partire dal grado di ibridazione minore, abbiamo soluzioni Mild hybrid, Full hybrid e Plug-in Hybrid o ibride plug-in.

La differenza principale tra queste ultime, oggetto del nostro approfondimento, e le altre due, è che le ibride plug-in hanno un motore elettrico e un pacco batterie che consentono di percorrere anche lunghe distanze senza usare il propulsore a combustione, di contro con la necessità di dover effettuare la ricarica alle colonnine. Andiamo a scoprire perché.

Cosa significa auto ibrida plug-in

Veicoli ibridi plug-in: cosa sono e come funzionano

Come abbiamo spiegato nel precedente capitolo, le auto ibride si dividono in tre categorie in base alla potenza del motore elettrico e alla capacità del pacco batterie, il cosiddetto grado di ibridazione: mild hybrid, full hybrid e plug-in hybrid.

A ben guardare, però, potremmo dividere le auto ibride in due classi ancora più semplici: quelle dotate di presa per la ricarica e quelle che non lo sono.

In questo modo possiamo distinguere immediatamente la caratteristica principale delle ibride plug-in, dette anche PHEV (Plug-in Hybrid Elecric Vehicle), che spiega anche il loro nome, ovvero la possibilità di ricarica da una fonte di alimentazione esterna. 

Plug-in in inglese significa infatti collegare, e plug-in hybrid vuol dire letteralmente ibrida in grado di essere collegata tramite una spina.

Questo vuol dire che le ibride plug-in sono in qualche modo il vero anello di congiunzione tra veicoli a combustione e veicoli elettrici (BEV, Battery Electric Vehicle), in quanto come queste ultime spostano le emissioni di gas serra dalle auto agli impianti che servono a produrre energia elettrica, ma sono anche dotate di un motore termico che permette loro di funzionare con la batteria scarica.

A differenza delle auto ibride mild e full, quindi, le ibride plug-in sono dotate di una batteria di dimensioni maggiori che consente loro di funzionare in modalità completamente elettrica anche per 80 km, sufficienti nella maggior parte dei casi per una tratta casa-lavoro. Quindi le ibride plug-in consentono di abbattere ulteriormente le emissioni inquinanti rispetto alle altre ibride, a fronte del mantenimento del motore a combustione per evitare la cosiddetta "ansia da ricarica".

Come funziona un'auto ibrida plug in

Veicoli ibridi plug-in: cosa sono e come funzionano

Quindi un'auto ibrida plug-in funziona come le altre ibride combinando un motore a combustione con un motore elettrico (o anche due), che però ha una potenza maggiore ed è dotato di accumulatori al litio in grado di garantire una guida a propulsione solo elettrica per tratti anche importanti.

Il motori possono agire in sincronia, per esempio per ridurre i consumi o aumentare lo spunto, o indipendentemente uno dall'altro, e tutto può essere gestito automaticamente dal software dell'auto o manualmente, se preferite.

I motori elettrici di un'ibrida plug-in infatti possono essere di 70-75 kW (dipende molto dal modello), con batterie da 10 o anche 18 kWh, che portano l'autonomia a 60 e fino a 80 km in ciclo WLTP misto senza dover usare il propulsore termico.

Quindi un'auto ibrida plug-in ha un'autonomia nettamente inferiore rispetto a un'auto puramente elettrica, ma volendo può essere utilizzata esclusivamente in quella modalità (se per esempio si va al lavoro) caricandola tutte le sere, con il vantaggio di passare al motore a combustione per tratti più lunghi.

Lo svantaggio di questa soluzione, sempre più popolare, sono l'aumento del peso a causa del pacco batterie di dimensioni maggiori, che comporta un aumento dei consumi quando si viaggia in modalità con motore termico, e il costo superiore rispetto alle altre ibride e di conseguenza rispetto alle auto a combustione normali. 

Come si ricarica un'auto ibrida plug-in

Ma come si ricarica un'auto ibrida plug-in? Abbiamo detto infatti che questo tipo di veicoli sono dotati di presa per la ricarica, da collegare a una presa a muro o a una colonnina, ma in realtà possono usare anche il motore termico e la frenata rigenerativa.

Date le dimensioni della batteria, però, la vera e propria ricarica avviene tramite la presa di corrente, proprio come per le auto elettriche. E come per queste, i tempi di ricarica cambiano a seconda della presa che utilizzate.

Mediamente (i numeri variano ovviamente da modello a modello), un'auto ibrida impiega circa sei ore per ricaricarsi da una normale presa a muro (da 3 kW), numeri che si abbassano a tre ore con una presa dedicata a tensione elevata (i cosiddetti wallbox da 7,4 o 11 kW) e diventano 15-20 minuti usando colonnine a ricarica veloce.

Ibride plug-in benzina

La stragrande maggioranza delle auto ibride in commercio abbinano un motore elettrico al motore a benzina. Ecco la lista dei modelli attualmente sul mercato.

  • Audi
    • A3 Sportback TFSI e
    • A6 TFSI e quattro
    • A6 Avant TFSI e
    • A7 Sportback TFSI e
    • A8 TFSI e
    • A8 L TFSI e
    • Q3 TFSI e
    • Q3 Sportback TFSI e
    • Q5 TFSI e
    • Q5 Sportback 50 TFSI e
    • Q5 Sportback 55 TFSI e
    • Q7 TFSI e
    • Q8 TFSI e
  • Bentley
    • Bentayga Hybrid
  • BMW
    • 225e xDrive Active Tourer
    • 230e xDrive Active Tourer
    • 320e, Berlina e Touring
    • 330e, Berlina e Touring
    • 330e xDrive, Berlina e Touring
    • 530e, Berlina e Touring
    • 503e xDrive, Berlina e Touring
    • 545e xDrive
    • 750e xDrive
    • M760e xDrive
    • X1 xDrive25e
    • X1 xDrive30e
    • X2 xDrive25e
    • X3 xDrive30e
    • X5 xDrive50e
    • XM
  •  Citroën
    • C5 X Hybrid
    • C5 Aircross Hybrid
  • Cupra
    • Leon e-HYBRID
    • Leon Sportstourer e-HYBRID
    • Formentor e-Hybrid
  • DS
    • DS 4 E-Tense
    • DS 7 Crossback E-Tense
    • DS 7 Crossback E-Tense 4X4
    • DS 9 E-Tense
  • Ford
    • Kuga Plug In Hybrid
    • Explorer
  • Hyundai
    • Tucson Plug-in Hybrid
    • Santa Fe Plug-in Hybrid
  • Jaguar
    • E-Pace PHEV
    • F-Pace PHEV
  • Jeep
    • Renegade 4xe
    • Compass 4xe
    • Wrangler 4xe
    • Grand Cherokee 4xe
  • Kia
    • Ceed SW PHEV
    • XCeed PHEV
    • Niro PHEV
    • Sportage PHEV
    • Sorento PHEV
  • Land Rover
    • Defender 110 PHEV
    • Discovery Sport PHEV
    • Range Rover Evoque PHEV
    • Range Rover Velar PHEV
    • Range Rover Sport PHEV
    • Range Rover PHEV

 

  • Lexus
    • NX Plug-in
    • RX Plug-in
  • Lynk & Co
    • 01 PHEV

 

  • Mazda
    • CX-60 Plug-in
    • MX-30 Plug-in
  • McLaren
    • Artura
  • Mercedes
    • A 250 e Plug-in
    • B 250 e Plug-in
    • C 300 e Plug-in 
    • C 300 e Plug-in 4MATIC
    • C 300 e Station Plug-in 
    • E 300 e Plug-in 
    • E 300 e Plug-in 4MATIC
    • S 580 e Plug-in
    • S 580 e Plug-in 4MATIC
    • S 63 AMG Plug-in
    • CLA 250 e Shooting Brake Plug-in
    • CLA 250 e Coupé Plug-in
    • GT 4 porte Coupé 63 AMG Plug-in
    • GLA 250 e Plug-in
    • GLC 300 e Plug-in
    • GLC 400 e Plug-in 4MATIC
    • GLE 400 e Plug-in 4MATIC
    • GLE 400 e Plug-in 4M Coupé
  •  MG
    • EHS Plug-in
  •  Mini
    • Countryman Cooper SE
  •  Mitsubishi
    • Eclipse Cross
  • Opel
    • Astra 5 porte Plug-in Hybrid
    • Astra Sports Tourer Plug-in Hybrid
    • Grandland Plug-in Hybrid FWD
    • Grandland Plug-in Hybrid AW
  • Peugeot
    • 308 Plug-in Hybrid
    • 308 SW Plug-in Hybrid
    • 408 Plug-in Hybrid
    • 508 Plug-in Hybrid
    • 508 Plug-in Hybrid PSE
    • 508 SW Plug-in Hybrid
    • 508 SW Hybrid PSE
    • 3008 Plug-in Hybrid
  • Porsche
    • Panamera 4 E-Hybrid
    • Panamera 4S E-Hybrid
    • Panamera Turbo S E-Hybrid
    • Panamera Sport Turismo 4 E-Hybrid
    • Panamera Sport Turismo 4S E-Hybrid 5
    • Panamera Sport Turismo Turbo S E-Hybrid
    • Cayenne E-Hybrid
    • Cayenne Turbo S E-Hybrid
    • Cayenne Coupé E-Hybrid
    • Cayenne Coupé Turbo S E-Hybrid
  • Renault
    • Captur E-Tech Plug-in Hybrid
  • Skoda
    • Superb Plug-In Hybrid
    • Superb Wagon Plug-In Hybrid
    • Superb iV Plug-In Hybrid
    • Superb Wagon iV Plug-In Hybrid
  • Suzuki
    • Across Plug-In
  • Toyota
    • Prius Plug-in
    • RAV4 PHEV
  • Volvo
    • S60 T8 Recharge
    • V60 T6 Recharge
    • V60 T8 Recharge
    • S90 T8 Recharge 
    • V90 T6 Recharge
    • V90 T8 Recharge
    • XC40 T4 Recharge
    • XC40 T5 Recharge
    • XC60 T6 Recharge
    • XC60 T8 Recharge
    • XC90 T8 Recharge 

Ibride plug-in diesel

L'unico produttore che offre ibride plug-in con motori diesel è Mercedes. Ecco i modelli sul mercato.

  • C 300 de Plug-in 
  • C 300 de Plug-in 4MATIC
  • C 300 de Station Plug-in 
  • C 300 de station Plug-in 4MATIC
  • E 300 de Plug-in Station
  • E 300 de Plug-in 4MATIC Station
  • GLC 300 de Plug-in 4MATIC
  • GLC 350 de Plug-in 4MATIC
  • GLE 350 de Plug-in 4MATIC

Differenze tra ibrida plug-in e full hybrid

Veicoli ibridi plug-in: cosa sono e come funzionano

Ma quali sono le differenze tra un'ibrida plug-in rispetto a una Full Hybrid? Ricordiamo che le vetture Full Hybrid sono sempre dotate di un motore elettrico e di un pacco batterie, ma molto più piccolo di quelle plug-in, e quindi con propulsione esclusivamente elettrica hanno un'autonomia intorno ai 2-3 km, a fronte del vantaggio di non dover effettuare la ricarica tramite colonnine.

In numeri, un veicolo full hybrid è dotato di batterie nell'ordine dei 1,5 kWh e di motori elettrici con potenze intorno ai 30-40 kW, mentre un veicolo ibrido plug-in possiede batterie che arrivano anche a 18 kWh e potenze intorno ai 70 kW.

Questi dati hanno però un riscontro pratico: le ibride plug-in necessitano della ricarica, mentre le full hybrid no. Detto questo, ognuna delle due tipologie presenta punti di forza e debolezze.

Le full hybrid non necessitano di ricarica, possono percorrere pochi Km senza inquinare e consumano meno delle auto a combustione, a fronte però di costi di acquisto e manutenzione più elevati e soprattutto emissioni più elevate delle auto ibride. 

Le auto ibride invece sono più "ecologiche" delle full hybrid perché possono percorrere lunghi tratti senza inquinare e hanno emissioni più basse delle full hybrid, oltre a poter accedere più facilmente agli incentivi di acquisto, a fronte della necessità di ricarica, del peso superiore, che causa un maggiore consumo con sola propulsione termica e costi generali più elevati.

Difficile stabilire quale sia meglio, visto che alla fine dei conti dipende anche da quanto si è disposti a spendere e dalla possibilità o meno di accedere a colonnine di ricarica, ma forse può essere indicativo che la prima e più venduta auto ibrida al mondo, la Toyota Prius, nel 2023 abbia abbandonato il sistema full hybrid in favore di quello esclusivamente plug-in.

Auto ibride plug-in economiche

Le auto ibride plug-in hanno un costo piuttosto elevato, che può essere parzialmente ammortizzato con gli incentivi.

Visto che appartengono alla fascia 21-60 g/km, ai prezzi di queste auto viene applicato un bonus, che in caso di rottamazione è pari a 4.000 euro, mentre senza un vecchio veicolo da rottamare è di 2.000 euro.

Sicuramente meno di quanto disponibile per un'auto elettrica, ma sufficiente per ammorbidire la spesa. Vediamo quali sono le più economiche nel momento in cui scriviamo, aprile 2023, tenendo presente che i prezzi sono in continuo cambiamento e che da novembre 2022 si è assistito a un aumento medio dei prezzi tra i 500 e i 1.000 euro.

Unica eccezione: Jeep Renegate 4Xe, in promozione fino al 30 aprile 2023.

  • MG EHS PHEV - 36.590 euro
  • Jeep Renegade 4Xe - 37.112 euro (in promozione fino al 30 aprile 2023, prezzo di listino 42.400)
  • Renault Captur E-Tech Plug-in - 37.650 euro
  • Opel Astra Plug-in Hybrid - 39.650 euro
  • Peugeot 308 Hybrid 39.850
  • Kia Ceed Sportswagon 1.6 GDi DCT PHEV - 39.900 euro
  • Kia XCeed PHEV - 41.200 euro
  • Kia Niro 1.6 GDI PHEV - 41.750 euro
  • Cupra Leon 1.4 e-Hybrid - 42.250 euro

Auto ibride plug-in con più autonomia

Come abbiamo visto, mediamente un'auto ibrida plug-in può fare 50-60 km in modalità elettrica, con punte anche superiori. In questo capitolo analizzeremo quelle con maggiore autonomia sul con propulsione solo elettrica.

Considerate che l'autonomia dichiarata, calcolata con il ciclo WLTP, solitamente risulta inferiore a quella effettiva. Questo per una serie di fattori, non da ultimo la temperatura, con il freddo infatti l'autonomia delle auto elettriche diminuisce, ma anche le condizioni della strada, il tipo e la pressione degli pneumatici e molto altro. Le auto in questa lista offrono autonomie veramente interessanti, a fronte però di costi di acquisto importanti, per non dire proibitivi.

  • BMW X5 Plug-In Hybrid: 77-88 km, grazie a una batteria da 22.29 kWh
  • Volvo V90 Recharge Plug-In Hybrid: 88 km, grazie a una batteria da 18.8 kWh 
  • Volvo S60 Recharge Plug-In Hybrid: 89-90 km, grazie a una batteria da 18.8 kWh
  • Mercedes-Benz GLE 350 de Plug-In Hybrid: 93 km, grazie a una batteria da 31.2 kWh
  • Mercedes-Benz S Class Plug-In Hybrid: 103 km, grazie a una batteria da 28.6 kWh
  • Mercedes-Benz C Class Plug-In Hybrid: 97 – 109 km, grazie a una batteria da 25.4 kWh
  • Range Rover Sport Plug-In Hybrid: 111 – 113 km, grazie a una batteria da 38.2 kWh

Tutte le recensioni su YouTube
Le nostre recensioni esclusive e le nostre classifiche
Seguici